• +39.392.0058265
  • marialuisa.lopane@libero.it

Dipendenze

Cos’è una dipendenza

Dipendere significa avere bisogno, necessità, di qualcuno o qualcosa per soddisfare una propria esigenza vitale: un benessere fisico o un equilibrio psicologico. Esistono dunque sia dipendenze sane che dipendenze patologiche. Sane e naturali sono, ad esempio, la dipendenza dall’aria, dall’acqua, dal cibo, dalle relazioni sociali, dagli affetti familiari.

Dipendenze patologhiche

Per Dipendenza intendiamo ogni tipo di comportamento ricorrente volto alla ricerca esagerata del piacere, utilizzando sostanze e mezzi che portano alla patologia. La persona dipendente perde ogni tipo di controllo ed è schiavo della propria abitudine nociva.

La dipendenza può essere fisica o psichica. I nuovi criteri diagnostici per la dipendenza sono:

  1. Ossessività: pensieri e immagini intrusive riguardanti la dipendenza dalla sostanza od oggetto;
  2. Impulsività: irrequietezza, ansia, agitazione quando si è impediti a mettere in atto il comportamento dipendente;
  3. Compulsività: comportamenti ripetitivi che la persona sente di dover attuare obbligatoriamente, penna un’ansia trasbordante.

Esistono varie dipendenze:

Tabagismo

Il tabagismo è una dipendenza dal fumo di tabacco con intossicazione di tipo cronico. Fumare è un comportamento nocivo per la salute. Sai bene che ti fa male, che aumenti la probabilità di beccarti qualche tumore ai polmoni, ma non riesci a farla finita!
Usi le sigarette per rilassarti, per procurarti un po’ di piacere, per abitudine appresa e ti racconti la storia che quando vorrai, smetterai di fumare.
Vorresti importi di troncare tale pericolosa dipendenza con sforzi titanici di volontà, ma non funziona.

Tale dipendenza deve essere debellata con il potere delle neuroassociazioni, con la gestione dei momenti di stress e con la ricerca di nuove gratificazioni. Se togli qualcosa di piacevole al cervello, gliela devi restituire in altri modi con gli interessi; altrimenti farai un buco nell’acqua!

Ebbene, ti posso aiutare a smettere di fumare subito e senza ingrassare con le tecniche della neuroprogrammazione. Ne guadagnerai in salute e in benessere per la tua vita. Con poco si ottiene molto!

Dipendenza affettiva

Ci si dedica completamente tutto sé stesso all’altro, al fine di perseguire esclusivamente il benessere del partner. Chi è affetto da dipendenza affettiva non riesce a cogliere e la profondità ed intimità del sentimento d’amore. A causa della paura dell’abbandono, della separazione, della solitudine, tende a negare i propri desideri e bisogni. Si ritiene che occupandosi sempre dell’altro la relazione diventi stabile e duratura. Quando, immancabilmente, le situazioni di delusione e risentimento si verificano si precipita nella paura che il rapporto non possa essere stabile e duraturo, ed il circolo vizioso riparte, a volte addirittura amplificato.

Chi soffre di tale dipendenza è così attento a non ferire l’altro, da non rendersi conto che in questo modo finisce col ferire gravemente sé stesso. Per un ulteriore approfondimento clicca qui.

Internet addiction

La larga diffusione di internet ha portato all’attenzione clinica comportamenti di dipendenza che assumono caratteristiche diverse a seconda di diverse applicazioni messe a disposizione della rete:

  • cybersex addicition: il sesso virtuale e tutte le attività finalizzate all’eccitazione sessuale come la ricerca di materiale pornografico e gli incontri su chat erotiche;
  • cyber relational addiction: bisogno incontrollabile di instaurare relazioni virtuali amicali con persone incontrate on-line attraverso chat, newsgroup, email e social network;
  • information overload: bisogno compulsivo di scaricare continuamente una tale mole di informazioni da diventare ingestibile, sovraccarico appunto;
  • dipendenza da giochi virtuali on line: i giochi di ruolo permettono di nascondere la propria vera identità e crearsene una alternativa, quando quest’ultima sostituisce la vita reale su di essa vengono trasferiti anche aspirazioni, desideri e relazioni alienandosi completamente.

Sex addiction

L’attività sessuale è uno degli strumenti di gratificazione più potente a livello cerebrale. Ci fa sentire bene e allevia lo stress. Nella dipendenza l’attività sessuale diviene centrale nei pensieri della persona al punto da comprometterne la capacità di concentrazione e la maggior parte della giornata è occupata da comportamenti finalizzati alla pianificazione e ricerca di attività sessuali.

Shopping compulsivo

Il fulcro del comportamento è un irresistibile impulso a comprare, che viene riconosciuto eccessivo da chi lo mette in atto, ma che viene ripetuto nonostante le ripercussioni negative personali e sociali, e nonostante ripetuti tentativi fallimentari di controllarlo e porvi fine.

Work addiction

Non si riesce più a trovare momenti di vita al di fuori del lavoro; il lavoro è vissuto in maniera totalizzante, senza più regole. Le conseguenze di questi comportamenti sono preoccupanti sia dal punto di vista della salute fisica, con manifestazioni di forte stress.

Dipendenza da gioco

Il gioco d’azzardo consiste nello scommettere denaro, beni, sull’esito di un evento futuro. Esso può avvenire all’interno di un gioco di società (roulette), in una gara (corsa dei cavalli) o in internet (casinò virtuali).
Se giocare è piacevole, distensivo, aggregante, socializzante, giocare compulsivamente è una schiavitù e una dipendenza.

Il meccanismo del gioco d’azzardo si basa sul piacere e sulla soddisfazione della vincita; lo scommettitore sente un’irrefrenabile voglia di scommessa che si alimenta sia con la vincita, sia con la momentanea perdita. Con la prima ci si eccita all’idea che potrebbe succedere nuovamente, con la seconda ci si lancia in un futuro più fortunato, in un nuovo tentativo di recupero della somma persa.

In questo modo lo scommettitore si incatena con la sua stessa voglia o di rivincita o di recupero dei soldi persi. Le conseguenze del gioco d’azzardo non riguardano semplicemente la perdita economica, ma anche il tempo tolto alle altre attività della vita e della professione.

Molti arrivano a svendersi case, terreni e quant’altro, solo perché non hanno pensato a farsi aiutare ad uscire dalla prigione del gioco compulsivo. Risultano infruttuosi i tentativi degli stessi familiari di porre fine a tale dipendenza, perché spesso sfociano in litigi violenti e crisi coniugali.

Una terapia efficace che utilizza specifiche strategie innovative è alla portata di tutti, senza che essa diventi lunga  o lenta. Anche in questo campo si può coniugare l’efficacia con l’efficienza con l’utilizzo della terapia EMDR

Stai cercando aiuto?

La terapia efficace per queste forme di dipendenza prevede un approccio multidisciplinare, dove si prevedono interventi a livello biologico, con farmaci ansiolitici e terapia farmacologica, e a livello psicologico, con terapie individuali, di coppia e familiare.

Lo Studio Lopane  nel trattamento di alcune dipendenze collabora con enti sia pubblici che del privato sociale.

Si propone di offrire un supporto alla persona e ai suoi familiari privilegiando, laddove possibile o preesistente, la collaborazione con servizi specialistici del territorio.