• +39.392.0058265
  • marialuisa.lopane@libero.it

Genitorialità

Supporto alla genitorialità 

Essere genitori oggi è un vero e proprio percorso ad ostacoli. Il mondo è sempre più complesso, i ruoli familiari stanno cambiando velocemente e questo genera confusione e insicurezza.

Nel mio lavoro quotidiano di psicologa scolastica e terapeuta familiare mi rendo conto ogni giorno di quanto i genitori abbiano bisogno di essere ascoltati e di dar voce alle loro paure.

A volte i nostri sono “figli difficili” o sono in difficoltà. Quello che abbiamo fatto fino ad ora oggi ci appare inefficace. O semplicemente la situazione ci porta a pensare di non avere le risorse e le competenze necessarie.
Essere genitore appare ancora più difficile quando stiamo attraversando una separazione, cioè quando insieme al nostro essere “in coppia” ci troviamo ad affrontare anche la nostra genitorialità da soli.
Ci troviamo di fronte alla sfida di ristrutturare il ruolo genitoriale,  di madre o di padre, che fino a ieri vivevamo in coppia.
Nello stesso tempo abbiamo la necessità di sostenere i nostri figli in questo momento particolare e difficile anche per loro.

Come lo psicolgo può essere utile?

Accompagnare i nostri figli nel loro percorso di crescita, nella costruzione della loro rete sociale o quando hanno difficoltà a scuola è un compito complesso per ogni genitore. Diviene necessario fermarci a riflettere e confrontarci per riuscire a porci le domande giuste, quelle che ci aiutano a meglio comprendere il vissuto di nostro figlio. Questo ci aiuterà a scoprire in noi risorse che non conoscevamo e ci permetterà di crescere come genitori insieme ai nostri figli che crescono e che continuano a cambiare.

Lo psicologo può essere un’ importante risorsa per entrare in contatto con il mondo interiore proprio e dei propri figli. Può aiutare i genitori a imparare a vivere i momenti gioiosi ma anche dolorosi che si incontrano lungo il cammino della vita e a saper cogliere i loro insegnamenti. Inoltre, può aiutare ad accogliere, sostenere ed accettare i bisogni del proprio figlio, a comprendere le proprie emozioni e a comunicarle in modo efficace.

Potrebbe interessarti anche Corso sulla genitorialità